User error: Failed to connect to memcache server: 127.0.0.1:11211 in dmemcache_object() (line 415 of /storage/vhosts/progettocultura.prod.h-art.it/isp_prod/releases/20150914125125/sites/all/modules/contrib/memcache/dmemcache.inc).

Perché sant'Orsola? Le ragioni del soggetto

Rispetto a diverse opere dell'ultimo periodo dell'artista, per questo dipinto si dispone di molti documenti, ritrovati poco meno di trent'anni fa. Soltanto da allora il dipinto si è imposto all'attenzione della critica nella sua inoppugnabile autografia. Era stato in precedenza attribuito da Roberto Longhi a Bartolomeo Manfredi, poi esposto a Napoli, nel 1963, con un incongruo riferimento a Mattia Preti, e finalmente rivendicato a Caravaggio, per ragioni stilistiche, da Mina Gregori nel 1974: la proposta della studiosa è stata confermata con il rinvenimento di un folto dossier documentario da Vincenzo Pacelli (1980).

I documenti forniscono luogo e data dell'esecuzione, la Napoli della tarda primavera del 1610; il nome del committente, il principe genovese Marcantonio Doria, figlio del doge Agostino; le circostanze dell'invio della tela nel capoluogo ligure (compresi i nomi della barca e del capitano che la guidava); alcuni dettagli sulla tecnica. A tutto ciò si aggiunge un titolo, che appare già nel 1620 in un inventario dei beni di Casa Doria: sant'Orsola confitta dal tiranno, indicazione in apparenza didascalica e descrittiva, in realtà preziosa per intendere una scelta iconografica insolita e controcorrente, come spesso accade nella ricerca caravaggesca.

La scelta del soggetto si deve al committente. Marcantonio Doria aveva sposato Isabella della Tolfa, vedova del principe di Salerno Agostino Grimaldi. La figlia di Isabella e di Agostino, Anna - figliastra dunque del Doria, ma da lui amata come «figlia carissima»: così leggiamo nel suo testamento -,  nel momento in cui era entrata nel monastero napoletano di Sant'Andrea delle Dame aveva assunto il nome religioso di Suor Orsola. L'affetto per la figliastra è il motivo della devozione di Marcantonio per sant'Orsola: lo apprendiamo dal post scriptum di un documento fondamentale, la lettera che l'11 maggio 1610 Lanfranco Massa, il suo procuratore napoletano, invia per ragguagli allo stesso Doria.

Caravaggio (Michelangelo Merisi) Il martirio di sant’Orsola (1610), particolare